I vegani sono deboli

Che cosa hanno in comune il cinque volte campione di Formula 1 Lewis Hamilton, il giocatore di basket Kyrie Irving e il sollevatore di pesi olimpico Kendrick Farris? Ovviamente conosci già la risposta: sono tutti vegani. Così come il pugile dei pesi massimi Byrant Jennings, l’uomo più forte del mondo Patrik Baboumian e uno fra i massimi atleti di MMA sulla scena mondiale, Nate Diaz.

Sono sempre più numerosi gli atleti di ogni disciplina che scelgono un’alimentazione vegetale, e scoprono ben presto che questa scelta permette loro di allenarsi più duramente e di recuperare più in fretta, senza alcuna diminuzione di performance, forza o massa muscolare.

Il giocatore dell’NFL David Carter dice: “Quando la gente mi chiede se voglio una bistecca e rispondo loro che in realtà non ne mangio, e che proprio non mangio carne o latticini, so che di solito pensano ‘aspetta un attimo, dovresti essere piccolo e debole’. E ovviamente non possono dirlo quando mi vedono.”

I vegani non sono assolutamente deboli.

Ogni singola sostanza nutritiva di cui hai bisogno può essere ottenuta senza il ricorso a cibi di origine animale. E quello che non hai, seguendo una dieta integrale e vegetale, sono gli alti livelli di grassi saturi, l’elevato rischio di intossicazione alimentare, l’infiammazione collegata ai cibi animali, e il maggiore rischio di ipertensione, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Scegli oggi di aderire al nostro mese vegano e avrai accesso alla nostra Guida nutrizionale gratuita, ad un ricettario e alla nostra Guida al veganismo.

Iscriviti e scegli vegan a gennaio

Iscrivimi